Archivio News

Possibile SPAM e malware via PEC

Informiamo gli utenti del servizio PEC che il sistema PEC Italiano sta subendo un attacco con milioni di messaggi phishing con oggetto che riguarda false fatture elettroniche ma non solo. Tali messaggi sono formati ad arte per superare i controlli dei gestori PEC. I sistemi antivirus si sono celermente attivati a riconoscere le minacce ma tuttavia l'attacco non sembra ancora terminato.
Il risultato è un elevato numero di mail apparentemente di SPAM che possono contenere minacce.
InnovaPuglia sta reagendo mettendo in campo potenti strumenti di verifica del messaggio che possono avere come effetto collaterale che alcune mail possono apparire contrassegnate [SPAM] pur senza esserlo (falso positivo). Si specifica, ad ogni buon conto, che i messaggi così contrassegnati sono solo di Posta Elettronica Ordinaria (PEO) e non di PEC. Infatti, a parte il controllo antivirus, che però è soggetto a falsi negativi per le minacce recentissime (dette zero days), il gestore PEC non può, per normativa, bloccare lo spam proveniente da altri gestori PEC.
Si raccomanda agli utenti la massima attenzione nell'aprire detti messaggi sospetti che purtroppo possono arrivare da altri gestori PEC (tra i più grandi d'Italia) ed essere transitati attraverso il nostro servizio PEC come punto di consegna. Si raccomanda inoltre di aggiornare sempre l'antivirus presente sui client di posta. Si suggerisce inoltre di cogliere l'occasione per verificare se è il caso di restringere la raggiungibilità della propria casella solo dal circuito PEC, escludendo i mittenti PEO, così come descritto nel Manuale Operarivo. Ricordiamo che il Manuale Operativo e il sito di Gestione Pratiche On-Line sono presenti nel sito della RUPAR Puglia www.rupar.puglia.it nella sezione "Servizi" "Posta Elettronica Certificata". Si riporta per completezza di informazione il recente articolo apparso oggi su "wired"